Contributo 30% a fondo perduto per miglioramento efficienza energetica

Novità Lombardia: riapre il contributo FABER 30% a fondo perduto
26 Febbraio 2020
Regione Veneto: 50% a fondo perduto per internazionalizzazione imprese venete
10 Marzo 2020
Tutte le notizie

Contributo 30% a fondo perduto per miglioramento efficienza energetica

BENEFICIARI

PMI con unità operativa in cui si realizza il progetto in Veneto.

AGEVOLAZIONE

  • Contributo a fondo perduto del 30% sulle spese ammesse
  • Contributo massimo di euro 150.000
  • Contributo minimo di euro 24.000

PROGETTI AGEVOLABILI

Sono ammissibili i progetti coerenti con il Piano Energetico Regionale finalizzatia:

  • contenimento della spesa energetica;
  • riduzione delle emissioni di gas climalteranti;
  • valorizzazione delle fonti rinnovabili secondo le opportunità di risparmio energetico individuate e quantificate con una diagnosi energetica ante intervento, che si articolano nelle seguenti tre fasi:

FASE 1:
Valutazione ante intervento del fabbisogno energetico annuo complessivo dell’unità operativa oggetto del progetto e individuazione delle opportunità di risparmio energetico e di riduzione delle emissioni di gas climalteranti attraverso diagnosi energetica. (La diagnosi deve essere stata eseguita a partire dal 19 luglio 2016, e sono ammissibili a contributo solo quelle eseguite a partire dal 1° gennaio 2019).

FASE 2:
Elaborazione e sviluppo del progetto di contenimento dei consumi energetici e delle emissioni di gas climalteranti.
Sono ammissibili le seguenti spese:

  1. SOSTITUZIONE DI MACCHINARI O COMPONENTI CON MACCHINARI o componenti che comportino una riduzione dimostrata dei consumi elettrici/termici rispetto alla situazione antecedente l’intervento,anche calcolata per unità di prodotto;
  2. SOSTITUZIONE DI APPARECCHI ILLUMINANTI PER INTERNI ED ESTERNI RICORRENDO A TECNOLOGIE LED E/O INSTALLAZIONE DI DISPOSITIVI AUTONOMI PER IL CONTROLLO DELL’ACCENSIONE, DELLA REGOLAZIONE E DELLO SPEGNIMENTO DEI CORPI ILLUMINANTI;
  3. INSTALLAZIONE DI SISTEMI E COMPONENTI in grado di contenere i consumi energetici nei processi produttivi;
  4. INSTALLAZIONE DI DISPOSITIVI per il riutilizzo dell’energia/calore recuperata dai cicli produttivi;
  5. INTERVENTI definiti soft possono essere effettuati soltanto con la realizzazione conseguenti di interventi cosiddetti hard;
  6. INTERVENTI DIRETTI ALL’EFFICIENTAMENTO ENERGETICO NEGLI EDIFICI delle unità operative. Non sono ammissibili a contributo gli interventi di natura strutturale sugli immobili;
  7. SOSTITUZIONE DI CICLI PRODUTTIVI con cicli che comportino una riduzione dimostrata dei consumi elettrici/termici rispetto alla situazione antecedente l’intervento, anche calcolata per unità di prodotto;
  8. INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI COGENERAZIONE E DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTE RINNOVABILE FINALIZZATI ALL’AUTOCONSUMO, cioè destinati a produrre energia utilizzata per lo svolgimento dell’attività dell’impresa nell’unità operativa oggetto dell’intervento. Tali interventi sono ammissibili solamente nell’ambito di un progetto di efficientamento energetico che comprenda anche uno o più degli interventi di cui alle lettere precedenti e che comporti, con esclusivo riferimento ai suddetti  interventi di cui alle lettere precedenti, un risparmio maggiore o uguale al 9% del fabbisogno annuo di energia ante intervento, espresso in kWh;

Pertanto, gli interventi di cui alla presente lettera non concorrono al computo del risparmio energetico conseguibile. Il sopracitato requisito di autoconsumo sussiste quando il fabbisogno energetico dell’impresa è maggiore o uguale alla produzione di energia del nuovo impianto.

L’intervento deve portare a un risparmio maggiore o uguale al 9% del fabbisogno annuo di energia ante intervento, espresso in kWh. (escluso il punto 8).

FASE 3:
valutazione post intervento di raggiungimento dell’obiettivo di progetto nonché di risparmio energetico e di riduzione di emissioni di gas climalteranti.

Non sono ammissibili i progetti portati materialmente a termine o completamente attuati prima della presentazione della domanda di partecipazione a prescindere dal fatto che tutti i relativi pagamenti siano stati effettuati dal beneficiario.

SPESE AMMISSIBILI

  • costi relativi all’acquisto di macchinari, impianti, attrezzature, sistemi, componenti, nonché le relative spese di montaggio e allacciamento; le spese relative al software di base, indispensabile al funzionamento di una macchina, di un impianto o di una attrezzatura, concorrono alla spesa relativa alla macchina governata dal software medesimo.
  • costi relativi a lavori edilizi e impiantistici, anche per la produzione di energia da fonte rinnovabile, strettamente connessi e dimensionati rispetto al programma di investimenti. Le spese di progettazione, direzione lavori e collaudo, incluse nei costi di cui al presente punto 2), sono ammissibili nel limite massimo di euro 10.000;
  • spese tecniche per le diagnosi energetiche: ante intervento; post intervento. Tali spese sono ammissibili nel limite massimo di euro 5.000 ciascuna. Inoltre, dette spese non sono ammissibili se sostenute dalle PMI energivore;
  • spese per il rilascio, da parte di organismi accreditati da ACCREDIA o da corrispondenti organismi esteri per la specifica norma da certificare, delle certificazioni di gestione ambientale o energetica conformi EMAS e alle norme ISO 50001 e EN ISO 14001 nel limite massimo di euro 10.000;
  • premi versati per le garanzie fornite da una banca, da una società di assicurazione o da altri istituti finanziari, purché relativi alla fideiussione relativa a questo bando.

Le spese devono essere sostenute e pagate dalla data di presentazione della domanda e entro il 10 maggio 2022 (data ultima per la conclusione del progetto).

VALUTAZIONE ED AMMISSIBILITA’

L’erogazione del sostegno al Beneficiario potrà avvenire mediante anticipo, acconto e saldo, ovvero direttamente a saldo.

Le agevolazioni di cui al presente Bando sono concesse sulla base di PROCEDURA VALUTATIVA SULLA BASE DEL PUNTEGGIO DI PRESENTAZIONE ALLA GRADUATORIA.

La graduatoria provvisoria delle domande è formata sulla base di:

  1. economicità della proposta progettuale,
  2. data dal rapporto tra risparmio energetico conseguibile (escluso il punto 8)
  3. costo del progetto.

SCADENZE

La domanda può essere presentata a partire dalle ore 10.00 del giorno 15 aprile 2020, fino ad esaurimento fondi.

BLUEDI CREA IL VOSTRO PROGETTO E VI ASSISTE PER SFRUTTARE IL CONTRIBUTO EFFICIENZA 30%

CONTATTACI PER VERIFICARE L’IDONEITÀ DELLA TUA AZIENDA, LA FATTIBILITÀ DEL CONTRIBUTO, LA CREAZIONE DEL PROGETTO CON IL PUNTEGGIO MINIMO OBBLIGATORIO GARANTITO ED ASSICURARTI IL RISPETTO DEI REQUISITI:

finanzagevolata@bluedi.com – tel. 0524 / 597969

Utilizziamo Cookie Tecnici (essenziali per la fruizione del sito), cookies per analizzare il traffico e le statistiche di visita alle pagine del sito web oltre che a cookies di terze parti. Puoi attivare/disattivare i cookie in base alle tue esigenze.

Privacy Settings saved!
Impostazioni sui cookies

Quando visualizzi il nostro sito, potrebbero essere raccolti dati di utilizzo attraverso il tuo browser tramite cookies. Controlla da qui le impostazioni.

Questi cookies sono necessari al corretto funzionamento base del sito e non possono essere disabilitati dal sistema.

Questi cookies di sessione sono necessari per mantere funzionante le funzioni del carrello di Woocommerce. Non possono essere disabilitati.
  • wc_cart_hash_#
  • wc_fragments_#

Memorizza lo stato del consenso ai cookie dell'utente per il dominio corrente
  • CookieConsent

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi